LOTO ARMONICO | MUSICA D'INSIEME IN MUSICOTERAPIA - L'IDEA, IL PROGETTO
Sto avviando un progetto che riguarda la creazione di un gruppo di Musica d'Insieme in Musicoterapia. Per questo sto iniziando a cercare alcuni musicisti che si vogliano mettere in gioco in questa esperienza per una valutazione dei benefici del fare musica in modo condiviso con alcune persone che presentano difficoltà in ambito cognitivo, emozionale, relazionale.
Marzia Da Rold, Loto Armonico, Musicoterapia, Musica d'Insieme
16382
post-template-default,single,single-post,postid-16382,single-format-standard,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-14.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.7,vc_responsive
 

MUSICA D’INSIEME IN MUSICOTERAPIA – L’IDEA, IL PROGETTO

MUSICA D’INSIEME IN MUSICOTERAPIA – L’IDEA, IL PROGETTO

Sto avviando un interessante progetto che riguarda la creazione di un gruppo di Musica d’Insieme in Musicoterapia. Per questo sto iniziando a cercare alcuni musicisti che si vogliano mettere in gioco in questa esperienza per una valutazione dei benefici del fare musica in modo condiviso con alcune persone che presentano difficoltà in ambito cognitivo, emozionale, relazionale.

L'idea

L’esperienza professionale mi ha portato a constatare bellissimi percorsi evolutivi con i ragazzi che incontro nel mio studio. Tra questi, alcuni hanno iniziato ad intraprendere un vero e proprio cammino musicale, facendo crescere in modo esponenziale alcune loro possibilità e migliorando, attraverso questo percorso, altri ambiti e funzionalità, dal fisico-motorio, a quello cognitivo, a quello socio relazionale ed emozionale.

La conoscenza e l’aggiornamento continuo sull’impatto della musica in ambito neurologico, mi spinge a pensare che ampliare l’esperienza all’interno di una piccola ensemble musicale può generare un impatto positivo in una pluralità di livelli, senza contare la bellezza dello sperimentare la musica d’insieme con musicisti e strumenti diversi.

La condivisione con un gruppo di lavoro, il creare insieme, la sincronizzazione di ritmi, tempi, spazi, suoni, il mettersi in ascolto non solo di se stessi ma anche dell’altro sono solo alcuni degli aspetti più evidenti che riguarderanno l’esperienza. Per non dimenticare poi che un primo approccio di musica d’insieme è già stato sperimentato in studio da questi ragazzi con un riscontro positivo e piacevole: ( vedi questo articolo: https://www.lotoarmonico.it/improvvisazione-pianoforte-violoncello/)

Il Progetto

Il progetto si apre quindi a ragazzi musicisti che non solo abbiano conoscenze e capacità musicali, ma anche e soprattutto qualità umane quali: sensibilità, capacità di ascolto e comprensione, positività ed accoglienza, rispetto, responsabilità, flessibilità, capacità di entrare in relazione in modo adattivo, pazienza.

Nella pratica, si tratterà di realizzare:

  1. Semplici musiche armonizzate per più strumenti, adattate alla situazione e alle capacità delle persone che devono essere accompagnate in questa esperienza
  2. Esperienze di improvvisazione
  3. Gruppi ritmici

Come sempre,  la concretezza dell’esperienza indicherà la direzione da prendere volta per volta, tenendo conto delle esigenze manifestate. E’ necessaria la massima flessibilità e la capacità di adattarsi alle situazioni che possono subentrare. In ogni caso l’esperienza sarà guidata, preparata e nulla sarà lasciato al caso.

Per quanto riguarda i tempi di realizzazione, prevedo un primo ciclo di 8 sessioni a cadenza settimanale da suddividersi in due parti di 4 +4 sessioni, a partire dal mese di aprile 2018.

NB: Non ci sarà alcun contributo in denaro, ma chi partecipa avrà la possibilità di far parte di un’esperienza altamente formativa sia dal punto di vista professionale che umano.

Quindi: Se sei interessato/a a questo percorso e vuoi conoscere la Musicoterapia, se pensi di avere le qualità giuste per metterti in gioco e partecipare a questa esperienza mi puoi contattare al 331.4827177 o scrivermi a info@lotoarmonico.it. Faremo assieme una chiacchierata e sarò lieta di inserirti nel percorso.

Marzia Da Rold

 

 

 

 

No Comments

Post A Comment